Come installare l'IDE di Arduino

Dec 5, 2019

Lo leggi in 8 minuti

L'interfaccia grafica di Arduino ci semplifica e non di poco lo sviluppo dei Robot e degli apparati di controllo.

Come installare l'IDE di Arduino

Per prima cosa devi scaricare il package adatto al tuo computer e perciò devi controllare se hai un PC a 32 o 64 bit. Probabilmente hai un PC a 64 bit perchè i 32 bit si trovano solo come “vecchio usato”, ma è sempre meglio controllare.
Fatto questo, continua la installazione andando alla pagina di download sul sito di Arduino e leggi il resto del post per installare l’IDE su Windows, MAC e Linux.




Installare l’IDE di Arduino su Windows

L’IDE di Arduino si può installare su tutte le versioni di Windows, compresa XP, Vista e Windows 7.

Se hai già controllato i bit (64 o 32) del tuo PC puoi andare alla pagina di download sul sito di Arduino.


Rintraccia la versione che devi scaricare, nel mio caso Windows a 64 bit, e ti ritroverai in una pagina che ti chiede di sostenere il sito con una cifra a tua scelta. Per il momento Premi “just download”, se non vuoi contribuire, e attendi la fine del download.


La installazione è piuttosto facile e consiste nello scaricare un file ZIP autoscompattante (non avrai neppure bisogno di usare un unzipper). Scarica il file e mettilo nella cartella che preferisci.

Prima di lanciare l’IDE servono i Driver di Arduino per Windows e per fare questo devi:

Cosa fare quando l’IDE va in crash con Windows 10

Le versione di Arduino IDE precedenti a beta1.9-BUILD-119 mandano in crash Windows 10: a volte quanto parte il programma e altre volte durante la compilazione degli sketch. L’unica cosa da fare in questo caso è reinstallare l’IDE con la ultima versione disponibile sulla pagine di download del sito arduino.cc
Puoi leggere la discussione completa sul bug in questo thread di Stackoverflow.

Perchè non usare l’IDE fornito da Windows Store

Quando usate questa versione vi troverete l’eseguibile nella directory

c:/utenti/nomeutente/AppData(directory nascosta)/Local/Packages

che non è ovviamente il massimo quando dovete fare debug, cercare i packages di Arduino, fare unzip di nuove librerie. Ci sono vari problemi con l’adattamento di Windows Store e non ci sono vantaggi rispetto ai programmi di installazione tradizionali e per questo motivo gli utenti più smaliziati la sconsigliano decisamente.
Se la hai installata e vuoi rimuoverla vai sul pannello di controllo / disinstalla un programma e rimuovi la voce Arduino IDE qualunque versione appaia. Nel sito della casa madre questo e un altro thread si occupano del problema e anche la guida di visualmicro spiega chiaramente come stanno le cose. Ma per farla breve:

Installa soltanto la versione “normale” dell’IDE di Arduino presa da arduino.cc o la versione portable se lavori con PC aziendali “locked”.


Perchè non usare cloni da 3 euro con Windows 10?

A inizio 2017 la FTDI, maggior produttore dei chip di conversione USB-> seriale ha introdotto dei nuovi driver che hanno bloccato il 30% dei chip illegalmente clonati. I cloni dei chip FTDI sono onnipresenti sugli Arduino supereconomici: se ne hai comprato uno, il suo chip di conversione è probabilmente clonato e di bassa qualità. La decisione della FTDI, seppure comprensibile ha suscitato a suo tempo un vespaio di reazioni avverse.

Ma per te che mi leggi ADESSO dove starebbe il problema?
I driver di quel periodo forniti dalla azienda FTDI iniettavano dati volutamente random nei circuiti digitali e se collegavi il tuo Arduino super economico a Windows 10 ti appariva il seguente warning:

“NON GENUINE DEVICE FOUND!”

con L’IDE che non riusciva a capire a quale scheda fosse collegato. Scheda da buttare, almeno in apparenza, e ore di lavoro perse per risparmiare pochi euro.

Tornando ad oggi, se ti ritrovi a leggere questo warning ADESSO mentre colleghi Arduino, hai sicuramente disabilitato gli aggiornamenti di Windows Update e sei rimasto con i vecchi driver maliziosi: in apparenza funzionerà tutto tranne se colleghi alcune delle schede Arduino a basso costo. Comunque la soluzione è semplicissima: o reinstalli i driver aggiornati da questa pagina del sito della FTDI o riattivi Windows Update, cosa per me da preferire.

Per essere obiettivi dopo alcuni mesi la FTDI è tornata sui propri passi e ha rimosso l’aggiornamento malizioso, ma nulla esclude simili giochetti in futuro. Fai molta attenzione a quello che ti dico: questo aggiornamento serviva intenzionalmente a mettere fuori gioco i cloni a basso costo di Arduino e nulla può escludere trucchi analoghi dalla FTDI o da altri produttori di chip.

La modifica “maliziosa” trovata nel driver della FTDI


Alla fine, per fortuna FTDI ha abbandonato la sua politica di sabotaggio e Microsoft ha eliminato il driver inaffidabile con Windows Update. La lezione che noi appassionati di Arduino abbiamo imparato è questa: non possiamo fidarci di schede a bassissimo costo prodotte in estremo oriente e vendute su ecommerce di serie B. Specialmente se sei agli inizi ti consiglio dei prodotti collaudati e di larga diffusione come questo kit della Elegoo o la scheda Arduino Uno Rev.3 entrambi su amazon.


Installare l’IDE di Arduino su MAC OS X

Scarica il file dalla solita pagina di download del sito di Arduino, fai doppio click e trascina la icona del programma nella cartella applicazioni.
Se stai usando Arduino UNO o Arduino Mega 2560 la installazione è completa, mentre con versioni più vecchie tipo Diecimila, Duemilanove o Nano, devi installare i driver per la porta seriale. Nella immagine per disco troverai il file SerialDriver_10_4_10.pkg per la tua piattaforma, fai doppio click e segui le istruzioni per la installazione.

I Driver FTDI per MAC

In caso di problemi con vecchie versioni di MAC OS o di Arduino o se stai usando schede Arduino generiche comprate su Ebay, potrebbe essere risolutivo installare i driver FTDI per MAC.

Vai al sito FTDI e scarica il modulo più recente dei driver. Quindi procedi in questo modo:

Puoi trovare il PDF della istallazione (in inglese) a questo link.

Per fortuna quando aggiornerai l’Ide di Arduino non dovrai reinstallare i driver: basta installarli una sola volta! La regola vale sia per Linux che per Windows e MAC OS X.



Installare l’IDE di Arduino su Ubuntu (linux)

Vai alla solita pagina di download e cerca la versione che devi scaricare, nel mio caso Linux a 64 bit. Puoi legittimamente saltare la pagina di sostegno premendo “just download” se non vuoi contribuire, e attendi la fine della operazione.


Adesso usa l’interfaccia grafica di Ubuntu o della tua versione di Linux (sono tutte molto simili) e usa il file Explorer per accedere alla cartella Downloads.


Fai “clik destro” sul file scaricato e scegli “Extract Here” e attendi pochi secondi per il completamento della operazione. Fatto questo ti consiglio di usare il terminale di Linux premendo CTRL-ALT-T e scrivendo i comandi:

cd ~/Downloads

sudo ./install.sh


Fornisci la password come richiesto dal comando “sudo” su Ubuntu e aspetta il completamento della installazione. Ti dovrebbe apparire la icona di Arduino IDE sul desktop, ma ricorda che in ogni caso puoi accedere dal Program Laucher di Ubuntu. La installazione come vedi è semplicissima, credo più semplice di MAC o Windows e nella maggior parte dei casi a prova di errore.


Controlliamo la installazione dal “vivo” con la scheda Arduino

Siamo attualmente pronti per testare il tuo primo programma con la tua scheda Arduino collegata:

Se non sai a quale porta è collegato il tuo Arduino, controlla le porte disponibili, scollega il tuo Arduino e guarda ancora una volta. Quello che è scomparso è il tuo Arduino! Con la tua scheda Arduino collegata e il programma “Blink” aperto, premi il pulsante “Trasferisci”

Dopo un secondo, dovresti vedere alcuni LED accesi sul tuo Arduino, seguiti dal messaggio “Caricamento completato” nella barra di stato dell’IDE.

Se vuoi testare il funzionamento complessivo di IDE e scheda in modo ancora più approfondito puoi leggere questo articolo del Blog: se avrai la pazienza di seguire le istruzioni passo passo potrai creare la tua prima applicazione per Arduino in pochi minuti!



Iscriviti ora alla nostra newsletter e dopo avere confermato la tua iscrizione troverai ogni 15 gg nella tua mail un argomento o un progetto pratico da seguire, con la lista dei componenti e il software necessario.

newsletter