Iniziare con le Breadboard

Dec 23, 2019

Lo leggi in 4 minuti

L'accessorio indispensabile per costruire rapidamente i tuoi prototipi di Robot.

Iniziare con le Breadboard


Cosa sono le Breadboard

Le Breadboard servono a collegare i componenti elettronici senza usare il saldatore: basta prendere i terminali e inserirli nei buchi a misura standard ed il gioco è fatto. Le puoi comprare in varie forme e dimensioni e, per fortuna, funzionano tutte allo stesso modo.

Se servissero solo a inserire i componenti e basta non sarebbero comunque una grande invenzione: invece la loro maggiore utilità deriva dal modo in cui i fori sono connessi.
I fori sono infatti connessi a colonne: se un solo foro viene collegato ad un alimentatore allora tutti gli altri fori della colonna saranno collegati alla alimentazione! E se collegate una colonna di fori alla massa, tutti i fori della colonna saranno collegati a massa.

In questo modo potrai collegare tutti i componenti alla alimentazione e alla massa del circuito semplicemente variando la loro posizione sulla scheda!



Inserire dei LED su una Breadboard

Stai iniziando a capire quanto lavoro ci risparmiano le Breadboard, ma vediamo subito come usarle in progetti appena più complessi.

Fino ad ora (ad esempio in questo articolo del Blog) abbiamo usato il LED interno di Arduino per fare dei semplici test, ma in futuro per realizzare progetti UTILI dovremo sempre collegare dei LED esterni, aggiungendo una resistenza per limitare la corrente.

Tutti i LED infatti hanno bisogno di limitare il flusso di elettroni che altrimenti li brucerebbe in pochi secondi, esperienza che capita a tutti principianti almeno una volta nella vita. Il fatto che si possano usare i 4 LED interni di Arduino senza problemi vuol dire solo che i progettisti hanno già inserito le resistenze adatte nella scheda, non che puoi farne a meno!

Nella figura sottostante puoi vedere una immagine di un circuito completo assemblato su una Breadboard. Consiste di un Arduino, un LED e una resistenza di 1kΩ.

circuito con resistenza led e arduino

Come si vede nella colonna di sinistra abbiamo un filo nero che esce dal connettore GND (ground=massa) di Arduino. Il filo nero si innesta nella Breadboard e continua fino al terminale negativo del LED.

Il filo rosso (positivo) conduce il segnale che proviene dal pin 2 di Arduino fino alla colonna di destra. Salendo sulla colonna di destra la corrente incontra dapprima la resistenza di un kΩ e poi il terminale positivo del LED.
Senza perdere tempo con stagno e saldatore ho realizzato il circuito hardware necessario per accendere un LED con Arduino!

Prova a copiare la disposizone dei componenti sulla tua Breaboard. Volendo potresti modificare il software presentato in questo articolo del Blog e fare lampeggiare il LED a intervalli regolari di un secondo. La modifica è semplicissima, si tratta solo di cambiare una riga, ma se sei nuovo del Blog non ti preoccupare: realizzeremo assieme molti di questi esercizi e in poco tempo saprai cavartela benissimo da solo!

E per concludere vorrei darti dei suggerimenti che ti faranno risparmiare un sacco di tempo lavorando con le Breadboard:

Ma la cosa che vorrei sottolineare più di tutte è questa:

Le Breadboard servono a creare dei prototipi di Robot, ma sono così comode che vorrai usarle anche sui lavori da consegnare ai tuoi clienti.

Nei prossimi articoli del Blog vederemo come usare collanti ed isolanti in bomboletta per rendere più stabili i collegamenti nella Breadboard, limitando così l’uso del saldatore. E se ti stai chiedendo perchè vogliamo evitare il saldatore la risposta è semplice: non esiste modo più rapido di distruggere un componente che toccarlo con il saldatore per pochi secondi!



Iscriviti ora alla nostra newsletter e dopo avere confermato la tua iscrizione troverai ogni 15 gg nella tua mail un argomento o un progetto pratico da seguire, con la lista dei componenti e il software necessario.