Cosa sono le resistenze elettriche

Pubblicato su News il 01/12/2023 da sergio rame ‐ 5 min di lettura

Cosa sono le resistenze elettriche

A cosa servono le resistenze?

La resistenza è una misura dell’opposizione di un oggetto al flusso di elettroni. Questo può suona come una brutta cosa, ma in realtà è utile. La resistenza è ciò che rende possibile generare calore e luce, limitare il flusso di corrente elettrica quando necessario, e assicurarsi che la tensione corretta sia fornita a un dispositivo.

Ad esempio, quando gli elettroni viaggiano attraverso il filamento di una lampadina incontrano così tanta resistenza che rallentano e si scontrano furiosamente, generando il bagliore che vedi dalla tua lampadina.

Qualsiasi materiale, anche i migliori conduttori, mostrano una certa resistenza al flusso di elettroni. (In realtà, alcuni materiali, chiamati superconduttori, possono condurre corrente con zero resistenza elettrica ma solo a temperature estremamente basse. Non li incontrerai nella elettronica.) Maggiore è la resistenza, più basso è il flusso di corrente.

Cosa determina la resistenza?

La resistenza dipende da diversi fattori

  • Materiale:

alcuni materiali permettono ai loro elettroni di vagare liberamente, mentre altri tengono vincolati i loro elettroni. Quanto fortemente un materiale specifico si oppone il flusso di elettroni determina la sua resistività. La resistenza è una proprietà di un materiale che riflette la sua struttura chimica. I conduttori hanno valori relativamente bassi di resistività, mentre gli isolanti hanno una resistività molto elevata.

  • Area della sezione trasversale:

la resistenza varia inversamente con l’area della sezione trasversale; più grande è il diametro, più facile è per gli elettroni muoversi-cioè, il abbassare la resistenza al loro movimento. Pensa all’acqua che scorre attraverso un tubo: più largo è il tubo, più facile è il flusso d’acqua. Sulla stessa linea, a il filo di rame con un grande diametro ha una resistenza inferiore rispetto a un filo di rame con un piccolo diametro.

  • Lunghezza:

più lungo è il materiale, maggiore è la resistenza che ha perché gli elettroni avere più opportunità di imbattersi in altre particelle lungo la strada. In altri parole, resistenza varia direttamente con la lunghezza.

  • Temperatura:

per la maggior parte dei materiali, maggiore è la temperatura, maggiore è la resistenza. Temperature più elevate significano che le particelle all’interno hanno più energia, quindi si scontrano tra loro molto spesso, rallentando il flusso di elettroni. Una notevole eccezione a questo è un tipo di resistenza chiamato termistore: all’aumentare della temperatura il termistore abbassa la resistenza in modo prevedibile. (Puoi immaginare quanto sia utile questa caratteristica in circuiti di rilevamento della temperatura.)

Il simbolo della resistenza

Si utilizza il simbolo R per rappresentare la resistenza in un circuito elettronico. La resistenza è misurata in unità chiamate ohm (pronunciato “om”), abbreviato con la lettera greca omega (Ω). Maggiore è il valore in ohm, maggiore è la resistenza. Un singolo ohm è così piccolo come unità di misura che probabilmente vedrai solo resistenze misurate in quantità maggiori:

  • kilohms ( kilo + ohm), che è migliaia di ohm ed è abbreviato kΩ,
  • megohms (mega + ohm), che è milioni di ohm ed è abbreviato MΩ.

Come funziona il codice di colori delle resistenze?

Nelle immagine sopra avrete certamente notato le bande colorate tracciate sul corpo delle resistenze.

A cosa servono i colori?

Il codice di colori delle resistenze è un sistema standardizzato per indicare il valore di resistenza di un resistore. È composto da una serie di bande colorate che vengono applicate sul corpo del resistore.

Il codice colore più diffuso è quello a quattro bande. Le prime due bande rappresentano le prime due cifre del valore nominale della resistenza, la terza banda rappresenta il moltiplicatore e la quarta banda rappresenta la tolleranza.

I colori delle bande e i corrispondenti valori sono i seguenti:

Colore -> Valore

  • Nero 0
  • Marrone 1
  • Rosso 2
  • Arancione 3
  • Giallo 4
  • Verde 5
  • Blu 6
  • Viola 7
  • Grigio 8
  • Bianco 9
Ad esempio, un resistore con le bande colorate: rossa, arancione e marrone ha un valore nominale di 230 ohm. La banda rossa rappresenta la cifra 2, la banda arancio rappresenta la cifra 3 e la banda marrone rappresenta il moltiplicatore 10.
codice dei colori di una resistenza di 230 ohm

Per controllare i tuoi calcoli ti sarà molto utile il calcolatore on line di Digikey.

Esistono anche resistori a cinque bande. In questo caso, la quinta banda rappresenta un coefficiente termico che indica come cambia la resistenza del resistore al variare della temperatura.

I colori delle bande e i corrispondenti valori per il coefficiente termico sono i seguenti:

Quinta banda delle resistenze

Colore -> Valore

  • Nero 100 ppm/K
  • Marrone 50 ppm/K
  • Rosso 25 ppm/K
  • Arancione 15 ppm/K
  • Giallo 10 ppm/K
  • Verde 5 ppm/K
  • Blu 2 ppm/K
  • Viola 1 ppm/K
Per leggere il codice colore di un resistore a cinque bande, si procede come segue:
  • Si legge il valore nominale come per un resistore a quattro bande,
  • Si legge il coefficiente termico.

Il codice colore delle resistenze è un sistema semplice e pratico per identificare il valore di resistenza di un componente elettronico. È importante familiarizzare con questo sistema per poter lavorare in modo sicuro con i circuiti elettronici.


R.130.1.8.0